ANALISI DELLA CONCORRENZA, SAI COME SI FA?
🔥 + BONUS ANTI-PRESA PER IL Q 🔥


L’analisi della concorrenza è fondamentale se si vuole costruire un brand forte, basato su un bisogno reale del potenziale cliente.
In America ci sono fior fior di società che svolgono questo lavoro e vengono pagate profumatamente.
In Italia esistono, ma dobbiamo adattarci.
Tu hai effettuato l’analisi della concorrenza?
No?
Ok, allora voglio darti qualche consiglio su come iniziare a farla.
Stai molto attento perché se vieni scoperto non ci fai poi una bella figura e lasci al tuo concorrente un potere immenso nello sputtanarti.
Quello che ti consiglio di fare è farti una mail diversa ed un numero di telefono che non sia riconducibile a te o alla tua attività. Insomma, nulla che sia direttamente riconducibile a te.
L’analisi della concorrenza è la base, ogni esperto di marketing o presunto tale al quale ti affidi deve chiaramente sapere indicarti quali step seguire…
…o almeno dovrebbe.

PER FARE UN’ANALISI ATTENTA QUINDI I PRIMI STEP DA FARE SONO:

  1. Iscriversi alla newsletter. Così potrai vedere se i tuoi concorrenti comunicano e come comunicano alla loro lista.
  2. Iscriversi ad ogni eventuale gruppo facebook (come questo del dbr per intenderci) e spiare come si muove il tuo potenziale concorrente.
  3. Se vende un libro, puoi comprarlo. Devi stare attento però a non lasciare nel form i tuoi nomi reali e direttamente riconducibili alla tua attività(specie se affine o in concorrenza o pseudo tale con quella dell’autore del libro). Ciò che potrebbe succedere è che una volta acquisiti i tuoi contatti, l’autrice del libro o chi per lei effettui delle telefonate per avere un feedback e scopra poi tramite i tuoi contatti (whatsapp per esempio) che svolgi o ti piacerebbe svolgere, senza successo, il suo stesso lavoro.

Ci tengo però a sottolineare una cosa fondamentale: NON COPIARE!
Ognuno comunica alla sua lista o alla sua community in modo personale e oltretutto se vieni sorpreso a copiare, converrai con me, che non ci fai una bella figura.
Peraltro, quando provano a copiare i miei post, non sanno che molti pezzi, frasi o estratti, sono protetti dalla SIAE perché pubblicati nei miei due libri.
Quindi ricapitolando stai attento se fai della mistery shopping o analisi della concorrenza perché se non la fai a dovere, potresti avere problemi serissimi.
In più se un’azienda è già leader di settore, ha già un brand che è primo nella testa del cliente, difficilmente riuscirai a scalzarla. Quindi fai le tue valutazioni e pensa sempre se il gioco vale la candela.
Per cristallizzare meglio il concetto voglio farti un esempio…
🙄Succede continuamente che pseudo guru fuffaroli provino ad imitare o a copiare il DBR, lanciandosi nel mondo della formazione, perché nella vita reale, nel mercato reale, fatte di problematiche reali, non hanno avuto successo.
Li riconosci subito.
Iniziano a pubblicare foto poetiche in riva al mare, ti dicono di liberare il tuo tempo ed hanno un background di progetti fallimentari (il più delle volte in settori dove “spacciano” entrate automatiche).
Io ho iniziato a fare formazione solo e soltanto dopo aver ottenuto successo nel mercato reale, con due aziende reali che fatturano, e dopo vari lavori come brand ambassador per varie aziende.
Ciò che insegno non è roba presa e copiata dai libri ma è frutto di tutto il Qlo che mi faccio ogni giorno nelle mie aziende.
Non mi sentirai mai parlare di entrate automatiche, di lascia lavorare gli altri e i soldi al posto tuo o cazzate simili.
Non sarei io e chi mi conosce sa che la prima regola del DBR è farsi un FATTORE Q come una montagna.

A me non dà fastidio essere copiata, lo ha fatto mezza Italia con Wedding Dog Sitter e lo faranno anche con Dog Business Revolution. Ciò che differisce le mie due aziende dalle altre è l’essere leader di settore e se hai iniziato a studiare hai potuto vedere come ogni concorrente, o pseudo tale, non fa altro che portare maggiore autorevolezza al leader e ritagliarsi le briciole.
La cosa si fa seria però quando chi vorrebbe sostituirsi a me ed al DBR come formatore non ha ben chiaro nemmeno gli step da seguire per fare un’analisi della concorrenza e magari pretende di insegnarla alle persone.
Si fa ancora più seria quando acquista il mio libro e mette i dati con il suo numero aziendale, lasciando in bella vista i suoi siti, i suoi contatti, come se nulla fosse.
Si fa serissima quando di punto in bianco vedo che mi ha addirittura copiato il post pubblicato 2 anni fa e ripubblicato l’anno scorso (scritto di mio pugno e presente in parte nel mio primo libro) spacciandolo per suo.
Vedi foto in basso.
E dico che si fa seria perché NON POSSO ACCETTARE che le persone che vogliono davvero imparare come fare marketing e vendita per le loro aziende possano incappare in pseudo guru fuffaroli che non sono nemmeno in grado di scrivere alla loro community e che per farlo hanno bisogno di copiare e incollare i miei post, per fare bella figura.
Un discorso è prendere spunto, un discorso è copiare…..

Voglio lasciarti con un consiglio, indipendentemente dal settore dove operi:
Se non sai fare le cose per te, non pretendere di insegnarle agli altri.
Non è corretto approfittarsi degli altri, specie quando ti affidano i propri soldi per ottenere dei risultati.

Se sei stanco di gente che si spaccia per ciò che non è, e vuoi anche tu imparare a riconoscere i venditori di fumo che fanno male alla tua azienda
allora vai su >>> www.dogbusinessrevolution.it